Categoria: SPORT-APNEA

accarezzare IL LIMITE per superarlo

Argomento: che significa individuare il limite, conoscerlo, toccarlo, superarlo? Breve video tratto da una prestazione di apnea dinamica con monopinna. La prestazione consiste nel nuotare sott’acqua alla velocità preferita percorrendo più strada possibile. Condizione importante per la validità della prestazione il protocollo di uscita. Dimostrare di essere lucidi e a disposizione dei giudici. Dopo l’uscita fai caso al braccio che, come richiesto, fa il segno di ok. Lo vedi un po’ tremolante? Non è un effetto del video, si sta proprio muovendo. Significa che il corpo ha un livello di ossigeno non più adatto al normale funzionamento del sistema. Dopo il tremolio c’è il black out in pratica si sviene perché il corpo destina al cervello le ultime riserve di ossigeno. Ecco questo “tremolio” è avvicinarsi il più possibile al limite, nuotare fino a che è possibile con fiducia, uscire con gesti economici e avere comunque la riserva necessaria a “sopravvivere”. Se lo accarezzi il limite con rispetto si lascerà superare.

Guarda che carino

Video realizzato da amici che hanno avuto affetto e pazienza. Affetto di seguirmi fino a San Marino e pazienza di filmarmi dal bar della struttura. Tenero il commento: guarda come è carino il nastrino giallo sulla maschera. Ci tengo molto a quel nastrino, il giallo è il colore della mia società il Monsub. La specialità si chiama apnea dinamica indoor con attrezzo monopinna. In pratica si tratta di diventare per un paio di minuti anche più una sirena e scivolare sull’acqua

Tutto di un fiato

Oggi racconto di una delle mie passioni: l’apnea.
Da dove iniziare? Gli amori, i dolori, l’impegno, le sfide impossibili, il
superare i limiti, il fidarsi, la medaglia al valore, gli abissi, l’accettare, i
miti

Se vuoi iniziare dalla fine vai al video. Racconto di come trattenere il respiro per 5 minuti.
Oppure inizia da questa immagine a me molto cara.

Dai sorrisi che abbiamo la competizione è andata bene: primo posto. Da
come siamo vestite si intuisce che la gara è la mia, sono salita sul gradino più alto del podio. Da come l’abbraccio esprimo tutto la gioia e la gratitudine. Lei, Cristina un’amica di Torino oltre che un’atleta della nazionale italiana di apnea, era la mia assistente. Partivo per ultima, sapevo cosa dovevo fare per vincere.
Abbiamo deciso insieme la strategia cioè una prestazione pulita, bella, utile per vincere senza esibizionismo. Una volta stilato l’accordo mi sono affidata a lei che stimo moltissimo ed alle mie capacità. Sapevo che se fossi stata capace di lasciarmi portare dall’acqua e dalla sua voce sarei riuscita ed il fisico mi avrebbe accompagnato. Decidere una strategia, fissare un obiettivo, dividere i compiti, fidarsi di sé e degli altri, mettercela tutta. Quel giorno la lezione che ho portato a casa è stata grande oltre alla medaglia d’oro.
Ed ora il video: che vantaggio c’è a trattenere il respiro per 5 minuti?


Il respiro

IL RESPIRO E’ QUANTO DI PIU’ POTENTE ABBIAMO, UN PONTE TRA FUORI E DENTRO DI NOI.

Il respiro cambia ad ogni situazione senza che ce ne accorgiamo.

Riconoscere e conoscere il proprio respiro è un passo fondamentale verso la consapevolezza.

L’uomo può rimanere settimane senza mangiare, giorni senza bere e solo minuti senza respirare. Sembrerebbe evidente l’importanza della respirazione eppure sappiamo tanto di cibo, parliamo sempre di cibo, in tv di propongono ogni giorno consigli e trasmissioni sul cibo, i social sono pieni di foto sul cibo e recensioni su dove mangiar bene.

Tutti sappiamo cosa mangiamo e quante volte al giorno. Sappiamo tanta aria prendiamo nell’inspiro? E quanta ne buttiamo nell’espiro? Quante volte respiriamo in un minuto? Ogni minuto allo stesso modo?

Sarà che parlare di respiro e fotografarlo e spiegarlo è meno evidente. Sarà che ascoltarlo sarebbe semplice ma poco spettacolare. Sarà che respirare è un’azione spontanea che si compie anche quando non ne siamo consapevoli che sembra strano pensare che qualcuno ci possa insegnare qualcosa che già facciamo dalla nascita.

Continua a leggere